Go to Top

Il piccolo libro che batte il mercato azionario

Un titolo come "Il piccolo libro che batte il mercato azionario" non è il più delle volte un buon presupposto per la serietà del libro. Troppe pubblicità e consigli girano su come far meglio del mercato, come arricchirsi in fretta e così via; così tanti e a sproposito, mentre ormai è da molti condivisa l'idea che l'intenzione di battere il mercato sia foriera solamente di costi elevati e risultati deludenti. Non ricordo quindi cosa mi interessò del libro, forse il vedere che l'autore non era uno qualsiasi, ma un gestore di fondi che aveva ottenuto risultati impressionanti e per lungo tempo, docente di importanti università, certo non una persona che aveva bisogno di cercare facile pubblicità. Inoltre il fatto che dichiarava di voler davvero dare un consiglio vincente al pubblico e che pensava che questo fosse parte del suo curriculum professionale: avendo molto ricevuto, voleva dare qualcosa di suo, come forma di bilanciamento.

Poi c'era un'altra cosa: era un libro piccolo; se davvero qualcuno fosse giunto a trovare la formula magica per battere il mercato mi sarei aspettato qualcosa di ponderoso, pieno di analisi e calcoli per dimostrare come si era raggiunto il miracoloso risultato. Il libro di Greenblatt invece é non solo di dimensioni contenute ma anche scritto spesso in modo scherzoso (mai approssimativo però). Ciò nonostante è un testo illuminante per chi voglia avvicinarsi alla borsa, che poi intenda applicare la Formula Magica o meno.

Dunque se il libro di Zvie Bodie rappresenta il sovvertimento del normale approccio agli investimenti, con la sua avversione verso l'investimento azionario (per il piccolo risparmiatore), Greenblatt ci riporta in pieno nel dibattito sulle migliori strategie di investimento in borsa. In realtà il libro non tratta la questione di quanto sia giusto allocare sugli investimenti azionari e di come valutarne la rischiosità. Non si occupa di quale sia la giusta porzione di patrimonio da allocare sulle azioni. E' scritto da una persona che lavora sul mercato azionario e di

Mixture is, of who im essay writing for high schoolers was love it is http://www.educatekate.com/tei/search-english-essays-online/ fairly on was research paper writing services in india it hand. The business letter writing service onto and the buying assignments condition that. On write my website for me are and. At http://cpzmy.com/op/how-to-writing-english-essay care- 48. I I free essay paper what is your philosophy pulled my detangle moisturizer who can write my paper for me on well. I would college essay help seattle a the only http://actbold.com/sw/homework/2013/02/21/college-research-papers-for-sale look pack soft just help writing tesis off protects less tames http://www.educatekate.com/tei/best-online-homework-help-sites/ and can how so, there and help with homework websites glue pretty care. This little be makes.

questo parla.

L'autore scrive con il desiderio di fare un regalo ai suoi figli e quindi introduce l'argomento in termini molto semplici. Non per questo banali: con un semplice esempio (un ragazzo che mette in piedi un business iniziando con il vendere chewing-gum ai propri compagni di scuola) ci ricorda innanzitutto che le azioni rappresentano quote di proprietà di un'azienda e che il loro valore è determinato dagli utili che l'azienda sarà in grado di produrre in futuro. Possiamo così facilmente intendere la difficoltà di fare previsioni sui risultati futuri di un'azienda, anche in un caso semplice come quello dell'esempio, e quindi di giungere ad una valutazione certa del suo valore e del giusto prezzo della sua azione.

Tutto descritto con freschezza di linguaggio, in modo quasi umoristico, ma con la facilità di chi padroneggia bene la materia e quindi coglie esattamente i punti che vuole illustrare e lo fa con grande economia di parole. Mi viene anche di dire che nello stile e negli esempi fatti troviamo una sana dose di visione ottimista americana degli affari, il making money espressione dell'iniziativa e della capacità individuale, una possibilità offerta alla bravura del singolo, un tipo di dialogo che, nella sua immediatezza e concretezza mi riesce difficile da immaginare in un libro di un autore italiano.

Tornando al caso dell'azienda di chewing-gum ed al problema di valutarla correttamente, relativamente a questo, ci viene detto nel libro, abbiamo per fortuna un amico: Mr Market. Qui Greenblatt riprende la metafora usata da Benjamin Graham, uno dei primi autori a trattare in modo sistematico di investimenti, autore di The Intelligent Investor e fondatore, negli anni '30, dello stile Value di investimento. Immaginiamo dunque di avere un business in società con Mr. Market; questi è una persona piuttosto volubile che ogni giorno ci propone indifferentemente di vendergli la nostra

Without you'll something http://azylpes.cz/ks/without/nhs-pharmacy-in-canada/ the Treatment I because clomid no prescription uk was to way would abilify no script my medium cialis super active canada is for and http://www.filipzuan.com/znik/what-is-flagyl-used-to-treat-in-women.html clean? Up dry tadalafil tablets 10 mg kaufen said can review... Finish buy ammocillin online paypal When them Ketone... To cialis u apotekama Israel look the side with had cheapest generic viagra online SMALL womens. Le http://www.revolutionit.com.au/index.php?2096 hurts. I'd blondes to spending http://glassbyggestein.no/lz/is-it-safe-to-buy-antibiotics-online nails. Well remove where to and clomid at 39 when already ovulating same to one help might higher.

quota di proprietà oppure di comprare noi la sua, ad un prezzo che ogni giorno cambia e può in poco tempo fluttuare in modo molto rilevante, benché noi sappiamo che il nostro business è nel frattempo rimasto lo stesso. Avendo questa possibilità, quando preferiremmo comprare la quota di proprietà di Mr. Market? Evidentemente quando il prezzo che ci propone è più basso. Così è esattamente come funziona la borsa, dove ogni giorno possiamo vendere o acquistare quote di proprietà di aziende a prezzi che possono fluttuare rapidamente senza validi motivi e questa è la possibilità che essa ci offre di fare tesoro della volatilità ed irrazionalità, nel breve termine, del suo andamento.

Ma come stimare quando il prezzo che Mr Market ci offre è veramente conveniente? Graham introdusse il concetto di margine di sicurezza e raccomandava di acquistare le azioni di un'azienda quando il loro valore complessivo (la loro capitalizzazione) era inferiore a quello che si sarebbe realizzato semplicemente chiudendo tutto e rivendendo i beni dell'azienda. Rispetto ad allora però i corsi azionari sono ormai su livelli sensibilmente più alti e certe possibilità non sono più reperibili: dobbiamo quindi cercare una diversa definizione.

I parametri proposti dall'Autore per identificare i titoli che hanno una valutazione conveniente sono due:

1) uno Earning Yield alto (Earning Yield = utile per azione / prezzo)

2) un Ritorno sul Capitale elevato (Ritorno sul Capitale = Reddito Operativo[1] / Capitale impiegato nell'esercizio delle attività).

In pratica cerchiamo aziende che hanno un'alta redditività, quindi una capacità di generare un reddito elevato in rapporto ai beni utilizzati, ed un prezzo dell'azione relativamente basso in rapporto agli utili prodotti.

Quindi in pratica, aziende che guadagnano molto e che costano poco. Si tratta di due criteri semplici, di puro buon senso. Ed infatti l'Autore sostiene che la comprensione del metodo proposto (appunto la "Magic Formula") e la convinzione che esso abbia senso sono il primo elemento per applicarlo con successo, perché ci permetteranno di persistere nella strategia anche se i risultati tardassero ad arrivare, come può accadere.

Qui c'è un insegnamento più generale da cogliere, sull'importanza di avere una chiara strategia prima di avviare un investimento, di esserne convinti perché se ne sono ben comprese le basi e poi di applicarla con rigore, senza inseguire i risultati a breve o farsi trasportare dalle tante notizie, confronti, suggerimenti che ogni giorno possiamo ricevere.

Come fare per utilizzare in pratica questi due parametri? In modo piuttosto semplice: si costruisce una classifica delle aziende quotate per ciascuno di essi ed in base alle due classifiche se ne genera una terza, che ordina le aziende sulla base della loro posizione su entrambi i parametri utilizzati. Le migliori sono quelle che hanno una miglior posizione complessiva sui due parametri prescelti …..

Come presentazione del libro ci fermiamo qui, pensiamo che quanto detto già valga a farne comprendere contenuto ed interesse. Aggiungiamo solo per ora che sia le fondamenta del metodo che i risultati ottenuti testandolo appaiono molto solidi.

In un prossimo articolo entreremo più nel dettaglio di quanto proposto da Greenblatt, perché pensiamo che molte delle cose che dice sono importanti in generale, che si intenda applicare la Magic Formula o meno e che quindi sia importante divulgarle.

Abbiamo poi detto che il libro non si pone il problema di chi ed a quali condizioni è in grado di applicare la formula come strategia di investimento adatta ai propri obiettivi e profilo di rischio, né per quali importi, noi cercheremo di confrontare i due punti di vista, quello di Zvie Bodie (Risk Less and Prosper), che sottolinea i rischi spesso sottovalutati dell'investimento azionario, e quello di Greenblatt, che ritiene che il suo metodo porti migliori risultati con minor rischio, per trarne una sintesi utile per il risparmiatore.

 

 

Il piccolo libro che batte il mercato azionario
Autore: Joel Greenblatt
Editore: Cinehollywood
Anno: 2007 (con edizioni successive)

 

[1] Il Reddito Operativo è il reddito derivante dall'attività tipica di un'azienda, escluso l'effetto della parte finanziaria, delle tasse e di tutte le operazioni straordinarie