Go to Top

Il piccolo libro penso dunque investo

Il libro fa parte della raccolta  Little Book Big Profits, nella quale diversi autori trattano argomenti legati alla finanza. Ciascun libro offre una differente prospettiva sugli investimenti, permettendo al lettore di selezionare i temi che vuole approfondire e di aggiornarsi in merito.

Il titolo originale dell'opera in inglese è The Little Book of Behavioral Investing che mette in evidenza come il focus di questo testo sia sulla finanza comportamentale. L'autore James Montier esordisce infatti sostenendo che le eleganti formule della teoria finanziaria classica non riescono a descrivere completamente gli andamenti dei mercati finanziari: molto è stato infatti scritto su come investire in maniera ottimale, ma sebbene le strategie siano state ormai codificate gli investitori continuano a compiere errori e a ripeterli nel tempo.

Ecco allora emergere l'esigenza di un'indagine sui comportamenti degli investitori e su come l'essere umano attui mentalmente il processo decisionale. Uno degli assunti iniziali dell'opera è quello dell'esistenza di due modalità di decision-making, il c-system e l'x-system, nomi tecnici ma che in pratica indicano: il primo una modalità più diretta basata sulle emozioni del momento come la paura e il panico e che porta ad azioni repentine ma fallaci, ed  il secondo, tipico dell'essere umano, che implementa un percorso logico richiedente tempo ma che guida a soluzioni razionali.

Il sottotitolo dell'opera è per l'appunto “How Not to Be Your Own Worst Enemy”, il quale sottolinea che la nostra impossibilità di seguire correttamente gli assunti della finanza accademica deriva da questi bias mentali, forme di pregiudizio e di inclinazioni dell'individuo che portano a compiere velocemente scelte che si dimostrano erronee per la maggior parte delle volte.

L'intento del libro è fornire una guida per cogliere i vari bias mentali e presenta una organizzazione compositiva che supporta questo fine. La parte centrale del libro è difatti composta per la quasi totalità da capitoli strutturati secondo un medesimo schema di 3 momenti: la presentazione di un nuovo bias, le argomentazioni di carattere sociale-psicologico con gli esperimenti più famosi che lo illustrano, e infine un paragrafo conclusivo che mostra come gli investitori più famosi hanno escogitato delle tecniche per non ricadere in fallo.

Quindi il libro spazia tra gli innumerevoli preconcetti che ci affliggono quando investiamo, quali l'overconfidence  (il comportamento che deriva dal pensare di conoscere in maniera approfondita un determinato tema/asset su cui investire), l'anchoring (la tendenza a porsi in relazione con un dato numerico od una informazione anche a livello inconscio e di decidere in rapporto ad essa), il confirmatory bias (il ricercare le prove solo di ciò che è in accordo con la nostra strategia e che conferma le nostre ipotesi di scelta) e la narrative fallacy (che come è riportato nel libro The Black Swan è associata con la nostra vulnerabilità e predilezione nei riguardi di storie rispetto alla cruda verità che distorce la nostra rappresentazione della situazione reale del mercato).

Il testo è scritto con uno stile diretto e a tratti umoristico e si caratterizza per le molte citazioni riprese dai più noti personaggi del mondo della finanza quali Ben Graham, John Maynard Keynes, George Soros, John Templeton e Warren Buffett.

Cosa molto interessante del libro è il taglio trasversale delle argomentazioni, che mette in evidenza come i nostri stereotipi preformati mentalmente pervadano tutti i campi della vita e non solo la finanza, tanto è vero che li possiamo ritrovare in attività quali le nostre scelte alimentari o anche lo shopping quotidiano.

L'investitore medio compie degli errori ma i suoi comportamenti sono in gran parte predicibili come illustra questo bel libro. Quello per cui Montier mette in guardia è che la loro conoscenza non è sufficiente da sola per cambiare i nostri stili di comportamento, occorrerà anche impegno e perseveranza.

 

 

 

Il piccolo libro penso dunque investo

Autore: James Montier
Editore: CHW Edizioni
Anno: 2013